Massimo Moratti su Gasperini: “Atalanta merita la Champions League”

Della serie: “guarda chi si rivede”. Torna a parlare Massimo Moratti, ex presidente dell’Inter. Ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha parlato dei suoi ricordi, in particolar modo si è soffermato su Gian Piero Gasperini, che ai ora tecnico dell’Atalanta, che ai tempi dell’Inter deluse le aspettative. Andiamo a sentire cosa ha detto a riguardo.

GASPERINI, MORATTI E L’ATALANTA – “Perché lo scelsi? Per il bel gioco che aveva sempre proposto con le sue squadre. Un gran merito che gli va attribuito anche adesso, guardate questa Atalanta. All’epoca, quando lo scelsi, ero sicuro. Stava dimostrando cose importanti e tutte le proprie capacità, ma a un allenatore come lui sarebbe servito più tempo. In certi club come l’Inter, spesso non è possibile. In quel momento non potemmo andare oltre, lo stesso Gasperini viveva un momento di crisi. Dubbi sull’esonero? Nessuno. Non c’erano le condizioni per andare avanti. Purtroppo in quel momento fu inevitabile. Lo farei anche oggi. I risultati erano negativi, già a partire dalle amichevoli. Non ci furono alternative se non un cambiamento. Seconda chance in una big? È un tecnico preparato, bravissimo. E a Bergamo sta ottenendo dei risultati veramente importanti. Fatico a rispondere, ma le dico questo: per tutto quello che stanno dimostrando, sia lui che l’Atalanta meriterebbero di arrivare in Champions League; magari Gasperini non sentirebbe più l’esigenza di ambire a una panchina più prestigiosa. Con un traguardo del genere, quella dell’Atalanta non avrebbe nulla da invidiare alle altre”.

avatar
Studente universitario iscritto alla facoltà Scienze della Comunicazione. La mia più grande passione è il calcio: soprattutto nell'ambito giornalistico.