Gollini all’Atalanta Store: “Ora sono felice. Idoli? Buffon e Dida”

Dopo il pareggio contro il Chievo Verona, l’Atalanta è pienamente concentrata sulla sfida di domenica prossima allo stadio Enio Tardini contro il Parma (alla ricerca di punti per avvicinarsi al decimo posto in classifica). Dopo gli allenamenti ci si riposa, e visto che è mercoledì c’è l’appuntamento con i tifosi all’Atalanta Store tra selfie e anche qualche autografo. Stasera è il turno del portiere nerazzurro Pierluigi Gollini: autore di una grande crescita nelle ultime partite. Ai microfoni dei giornalisti ha rilasciato qualche dichiarazione.

FELICITA’ RITROVATA“Lontano dal campo non è mai facile, ora sono felice, ci sono state anche altre cose fuori dal calcio e non è stato facile.Adesso abbiamo un momento molto importante e dovremo fare più punti possibili. Nella volata facciamo quello delle nostre possibilità, la parata più difficile su Ekdal”.

MAGLIA DA TITOLARE“Per ora per me è importante tenermi il posto stretto e non so altro. Sto pensando al calcio. Adesso non è nella mia testa fare un’altra canzone rap da dedicare alle imprese della Dea, l’anno scorso mi sono divertito ma ora penso al campo”.

COPPA ITALIA – “Dobbiamo essere bravi a tenere aperte tutte le porte per l’Europa, andare in finale di Coppa sarebbe la via più breve. Nel calcio la cosa più difficile è la prossima partita, soprattutto ora che sono a inizio carriera e ho ancora tanto da dimostrare. Penso a migliorare sempre, ho margini di crescita”.

ESPERIENZE E IDOLI – “Le altre esperienze mi hanno lasciato tanto, sono sempre positive, mi sono portato dietro anche difficoltà che ho superato e mi hanno fatto crescere a livello umano. Da piccolo mi piacevano Ibra, Adriano e Nesta perché non giocavo in porta, tra i pali Buffon e Dida”.

Leggi anche:

Gori: “Fatti di Firenze? I tifosi dell’Atalanta non lasceranno perdere”

Ottavio Bianchi: “Gasperini alla Roma? Dipende…”

avatar
Studente universitario iscritto alla facoltà Scienze della Comunicazione. La mia più grande passione è il calcio: soprattutto nell'ambito giornalistico.