Coronavirus Bergamo, raccolti 50.000 euro dagli Ultras Innsbruck

Nuova iniziativa benefica in favore della provincia di Bergamo, la più colpita dall’emergenza Coronavirus. Il gruppo ultrà Tivoli Nord Innsbruck, che sostiene la compagine locale FC Wacker, è riuscito in 10 giorni a raccogliere 50.000 euro, attraverso la vendita di una sciarpa nerazzurra su cui campeggia la scritta “Bergamo Mola Mia“.

La ventennale amicizia fra gli ultras dell’Atalanta e i ragazzi di Innsbruck ha così permesso di raccogliere fondi destinati all’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo, su indicazione della Curva Nord. Il tutto servirà per il noleggio di un macchinario che permetterà di effettuare una Tac per prevenire la diffusione del virus, presso l’Ospedale di Seriate.

Gesti concreti in un momento davvero difficile per la comunità bergamasca, messa in ginocchio dalla diffusione del Covid-19. Non solo raccolte fondi, ma anche striscioni di solidarietà, esposti in strada dai tifosi austriaci negli ultimi giorni.

Oltre al gruppo ultrà Tivoli Nord Innsbruck, anche lo stesso club Wacker Innsbruck si è unito alla raccolta fondi “Bergamo mola mia”, creando sulla sua piattaforma Esports una competizione online denominata “Bergamo Cup“, in programma sabato 4 aprile. Il ricavato delle quote di partecipazione (su base volontaria) sarà interamente devoluto alla comunità di Bergamo.

Qui di seguito la nota apparsa sulla pagina Facebook “Sostieni la Curva”, canale social ufficiale della Curva Nord Bergamo:

DAI RAGAZZI DI INNSBRUCK 50.000€ PER L’OSPEDALE DI SERIATE

Grazie alla vendita delle sciarpe fatte per l’occasione, hanno raccolto 50.000€, una cifra davvero considerevole, per sostenere l’affitto di un macchinario all’Ospedale di Seriate che permette di effettuare una Tac per prevenire la diffusione del virus.

Che dire davanti a questi gesti, solamente GRAZIE per la vicinanza, morale ed economica in questo difficile momento per la nostra Terra.

ULTRAS NELLA VITA, NON SOLO ALLA PARTITA.

(Foto: Bergamo News)

Leggi anche:

Atalanta, Montella: “La Dea è una grande. Ho provato più volte a riavere Gomez”

Atalanta, Chi è Filip Marcwinski? Talento del Lech Poznan che piace alla Dea (Video)

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Amante del calcio sin dalla nascita, segue l'Avellino Calcio fin da bambino e resta aggiornato su tutto ciò che riguarda lo sport più bello del mondo.