Cagliari-Atalanta 0-1: le dichiarazioni di Muriel nel post partita

Ancora decisivo, ancora Luis Muriel. Nel dopo gara di Cagliari-Atalanta, il numero 9 della Dea ha commentato il suo gol partita e la vittoria esterna dell’undici bergamasco, che espugna la Sardegna Arena grazie alla rete al 90′ dell’attaccante colombiano. Qui di seguito le dichiarazioni rilasciate dal centravanti ai microfoni di Sky Sport.

Le dichiarazioni di Muriel nel post partita di Cagliari-Atalanta 0-1

“Non so se è un segno del destino, ma sono molto contento di aver fatto gol e di aver vinto la partita. Abbiamo giocato contro un Cagliari che ha dato tutto per raggiungere la vittoria, quindi entrare, segnare e vincere una partita così, è ancora più bello ed importante. Così ho dato anche un segnale a mister Gasperini.

Il valore di questa vittoria? Una spinta molto importante, anche perché il mister in settimana ci aveva detto che non vincevamo più partite al 90′. Proprio dopo queste parole, abbiamo vinto all’ultimo minuto. È stato importante perché non eravamo riusciti a vincere partite come quella contro l’Udinese, quindi ci volevano un gol e tre punti presi così.

La classifica cannonieri? Non ci penso, penso ad aiutare la mia squadra e a fare più gol possibili. Mi fa piacere aver vinto, perché non era facile.

Il Real Madrid? È molto vicina quella partita, ma prima abbiamo il Napoli in casa di nuovo. Avremo tempo per approfondire meglio quel discorso e quella partita, ma prima dobbiamo giocare contro il Napoli. È normale avere il pensiero a quella partita, queste vittorie ci aiutano ad avvicinarci meglio a certi appuntamenti.”

Leggi anche:

Cagliari-Atalanta 0-1: le dichiarazioni di Gasperini nel post partita

L’Atalanta ricorda Federico Pisani e Alessandra Midali (Video)

Nato ad Avellino il 26 dicembre 1996, ha conseguito la Laurea Triennale in Scienze della Comunicazione e attualmente studia Corporate Communication e Media presso l'Università degli Studi di Salerno. Giornalista pubblicista dal 30 settembre 2020, ama, segue e pratica lo sport più bello del mondo.