Atalanta-Sampdoria 2-0: le dichiarazioni di Gasperini nel post partita

Ancora una vittoria per la Dea. Sono nove consecutive. Gian Piero Gasperini, al termine della sfida Atalanta-Sampdoria, ha commentato il 2-0 ai microfoni di Sky Sport.

Atalanta-Sampdoria 2-0: le dichiarazioni di Gasperini nel post partita

Queste le sue parole: “Scudetto? È un po’ arronzare. È nelle mani della Juventus, qualsiasi risultato venga fuori sabato. Sono la squadra più forte del campionato. Noi andiamo un passo alla volta, intanto di avere la matematica certezza di andare in Champions League. Roma, Napoli e Milan vincono. Il primo grande obiettivo è questo, poi cercheremo, se possibile, di arrivare davanti all’Inter o alla Lazio, visto che il distacco è minimo”.

Gasperini ha poi proseguito: “Non abbiamo mandato nessun messaggio alla Juve. Non facciamo la corsa su nessuno, esclusivamente su di noi. La Sampdoria è difficile da affrontare, è venuta qui chiusa, con giocatori fisici e pronti a ripartire. È stata una battaglia. Questo tipo di partite rischi di giocarle col fioretto e di favorire l’avversario. Ci siamo adattati al loro gioco con intensità e siamo venuti fuori nel secondo tempo. Io sottovalutato? no, sono molto felice della mia carriera. I campionati al Genoa sono stati belli, qui a Bergamo ora stiamo vivendo qualcosa di fantastico. Sappiamo vincere in tanti modi e stasera lo abbiamo dimostrato”.

“A questa squadra abbiamo aggiunto Muriel, Malinovskyi e qualche altro ragazzo. L’esperienza che stiamo maturando in Europa ci sta dando la spinta giusta per giocare certe partite. Quando siamo costretti a giocare su lanci, contro squadre che si difendono, lo facciamo con qualità. Abbiamo la possibilità di segnare su calcio piazzato, nella ripresa abbiamo fatto bene”.

Sulla città di Bergamo: “Tutto ciò che è successo qui ha compattato ancora di più la squadra. È stata una tragedia ma abbiamo la forza di rinascere. Sarà ancora più forte in Champions League. I sorteggi di Champions? La sensazione è che prendiamo una di quelle vincenti”.

Leggi anche:

Atalanta, Filippo Inzaghi: “Mi auguro che la Dea vinca la Champions”