Atalanta, Luis Muriel e la maledizione della maglia “numero 9”

Oggi l’Atalanta ha ufficializzato il colombiano Luis Muriel: attaccante dal grande potenziale che a Bergamo può esplodere definitivamente. Il neo acquisto nerazzurro ha deciso di indossare la “famosamaglia numero 9, ma perché soffermarsi su un dettaglio che sembra più scontato delle parole del presidente Percassi sugli obbiettivi stagionali? La risposta è semplice: quel numero dalle grandi aspettative (e speranze) è in preda ad una maledizione da oltre 10 anni, e chiunque l’abbia indossata non è riuscito ad arrivare in doppia cifra. Ovviamente sarà il campo a decidere ma intanto facciamo qualche passo indietro per capire bene la questione del “numero 9”.

DAL 1996 TRA ALTI E BASSI: IL 2008 E POI IL CROLLO… – Partiamo da una stagione molto particolare: la 1996/1997. L’annata di Pippo Inzaghi, il punto più alto di quella maglia numero 9: 24 goal da centravanti vero. Fino al 2000 la baracca, a suon di reti, era guidata da Doni (27) e Caccia (11), ma nella stagione dei “Vava Boys” quella casacca sembrava risplendere con Fausto Rossini, ma tra infortuni e problemi, il prodotto del vivaio atalantino non riuscì ad imporsi. Dopo la breve parentesi Gautieri è arrivato Riccardo Zampagna che tra il 2005/2006 e il 2007/2008 ha segnato 19 reti: poi da lì il grande tracollo.

BIDONI, DELUSIONI E TANTI RIMPIANTI: LA SITUAZIONE DAL 2008 FINO AD OGGI – Tra le meteore Paolucci, Cissè e il tanto ricordato Gianvito Plasmati, nel 2009 arriva Robert Acquafresca che delude sotto tutti i punti di vista (un goal in 12 presenze), così come Nicola Amoruso (stesse statistiche, ma con tre presenze in più). Dopo due anni senza attaccanti, la maglia numero 9 ritorna nelle vesti di James Troisi, ma non segna neanche una rete: fotocopia l’anno dopo sia con l’uruguaiano Ruben Bentancourt che nel 2015 con Rolando Bianchi. Da un 2016 assente, il primo anno di Gasperini vede Pesic ad indossarla: per lui un goal (esultando come Cristiano Doni) in Coppa Italia e tanti saluti. Infine il centravanti Andreas Cornelius che migliora leggermente la situazione: 6 goal, ma niente di più.

CON MURIEL PER SPEZZARE LA MALEDIZIONE – L’Atalanta ha preso Luis Muriel per rinforzare l’attacco nerazzurro e chissà se riuscirà a spezzare questa maledizione nerazzurra. Certo, sarà il campo a decidere l’esito del numero 9 atalantino, ma il colombiano ha tutte le carte in regola per esprimersi al meglio: aiutando la Dea in tutte e tre le competizioni.

Fonte foto Acquafresca: Jmania.it

Fonte foto Muriel: Yahoo Sport

Fonte foto copertina: Corriere dello Sport

Leggi anche:

Muriel all’Atalanta, è Ufficiale: i dettagli

Calciomercato Atalanta: la situazione della difesa nerazzurra

avatar
Studente universitario iscritto alla facoltà Scienze della Comunicazione. La mia più grande passione è il calcio: soprattutto nell'ambito giornalistico.