Atalanta, Gollini: “Mi sento Bergamasco. Futuro? Penso solo alla Dea”

Pierluigi Gollini, portiere dell’Atalanta, ha rilasciato un’intervisa apparsa sulle colonne odierne de La Gazzetta dello Sport. Ecco di seguito alcune sue dichiarazioni:

Interessamenti di Tottenham e Milan? Essere apprezzato fa certamente piacere, però mi sento molto legato alla famiglia Atalanta. Non scelgo fra Italia e Inghilterra, scelgo Bergamo. Reputo sia la cosa più giusta e quella che sento. Pensare ad altro sarebbe una mancanza di rispetto nei confronti dell’Atalanta.

I tifosi della Dea? Siam bergamaschi e non conosciamo confini è il coro che più mi piace. Anche se non lo sono, ormai mi sento un po’ bergamasco. Quel coro rappresenta anche il cammino del club che ha raggiunto traguardi impensabili”.

Leggi anche:

Denis: “L’Atalanta può aiutare Bergamo a uscire dall’incubo. Se avessi giocato alle dipendenze del Gasp…”

VIDEO – Chi è Aleksander Buksa? Centravanti del Wisla Cracovia che piace alla Dea

Come Arrigo Sacchi amo il calcio, e lo sport in generale, perché è la cosa più importante delle cose meno importanti, e come Maurizio Mosca cerco di spargere allegria tra la gente.