Atalanta-Fiorentina: Il DNA della Dea e della città di Bergamo in una notte

Ieri sera allo stadio, il popolo dell’Atalanta ha assistito a qualcosa di straordinario: la trasformazione di un sogno in una realtà incredibile. Una realtà che ha suscitato grandi emozioni da parte di chi ha la Dea tatuata nel cuore indipendentemente da tutto. Quella Dea che ha rappresentato il DNA della città di Bergamo, battendo tutto e tutti, e che ora si trova in finale di Coppa Italia: rispecchiando in maniera molto più evidente il concetto dell’atalantinità.

L’ATALANTA È BERGAMO; BERGAMO È L’ATALANTA – La partita contro la Fiorentina ha rappresentato, a livello metaforico, il carattere della città di Bergamo attraverso la sua Atalanta. Ieri sera è stata vissuta in maniera molto più significativa il concetto dell’atalantinità. Essa sta nel rialzarsi dopo le batoste; per esempio il goal della Fiorentina che poteva spezzare le gambe a chiunque. Raffigura l’aspetto nella quale alla minima difficoltà, il tifo nerazzurro è come un vulcano in eruzione. Il goal di Ilicic, la fame nel voler agguantare il pallone prima dell’avversario anche quando sembra troppo tardi, l’urlo al vantaggio di Papu Gomez, il coro “ce ne andiamo in finale olè“: elementi nella quale dimostrano il carattere dei bergamaschi in tutto e per tutto. Il tifoso dell’Atalanta è fatto così: nella buona e nella cattiva sorte e il vedere tutto questo grande amore fatto di sacrifici, lacrime, sudore e passione, ripagato con un sogno diventato realtà, è un qualcosa che solo chi era presente allo stadio può capire perfettamente, ma una cosa è certa: l’Atalanta rappresenta in tutto e per tutto Bergamo, e la città di Bergamo rappresenta il carattere e il DNA dell’Atalanta stessa.

IL 15 MAGGIO TUTTI A ROMA! IL POPOLO NERAZZURRO È CARICO – Al termine della partita vi è un misto di emozioni: tra abbracci, pianti e urla di gioia; anche quando i giocatori sono ormai rientrati negli spogliatoi. L’Atalanta è finale di Coppa Italia e il 15 maggio affronterà la Lazio allo stadio Olimpico. Una tappa da non mancare: il popolo atalantino è carico a mille, e già ci si domanda quando usciranno le vendite per i biglietti. La città di Bergamo sogna di poter rialzare al cielo quella coppa che manca dal 1963, e questa squadra ha dimostrato di poter compiere imprese straordinarie attraverso il sudore, la passione, tanto lavoro, ma soprattutto con i piedi ben piantati per terra.

Leggi anche:

Atalanta in Finale, Giocatori in festa sotto la Nord (Video)

avatar
Studente universitario iscritto alla facoltà Scienze della Comunicazione. La mia più grande passione è il calcio: soprattutto nell'ambito giornalistico.
No comments yet! You be the first to comment.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!